recensioni

Anna Premoli “E’ solo una storia d’amore”

Anna Premoli

Anna Premoli è nata in Croazia nel 1980 ma si è trasferita in Italia con la famiglia nel 1987. Si è laureata in Economia all’Università Bocconi e ha lavorato prima presso la JPMorgan e poi per una banca d’affari. Durante la prima gravidanza si è cimentata con la scrittura per contenere lo stress … ne è scaturito, nel 2012, “Ti prego lasciati odiare” che ha vinto il Premio Bancarella 2013! Da allora non si è più fermata, pubblicando due romanzi all’anno:

Come inciampare nel principe azzurro, 2013

Finché amore non ci separi, 2014

Tutti i difetti che amo di te, 2014

Un giorno perfetto per innamorarsi, 2015

L’amore non è mai una cosa semplice, 2015

L’importanza di chiamarti amore, 2016

Il suo ultimo romanzo, appena uscito, è “E’ solo una storia d’amore”.

E’ solo una storia d’amore

Aidan Tyler è un newyorkese trentenne che cinque anni addietro, con il suo primo romanzo, ha vinto il premio Pulitzer. Da allora ha lasciato il lavoro (era un giornalista specializzato in politica interna) e si è trasferito in California. Doveva trattarsi dell’inizio di una produzione letteraria brillante … invece nei cinque anni successivi Aidan non è più riuscito a scrivere assolutamente nulla. Messo alle strette dall’editore (che minaccia di esigere la restituzione del lauto anticipo versato e che Aidan ha già speso) e dall’agente (per altro suo caro amico, Norman), torna a New York nella speranza di ritrovare l’ispirazione. E’ a questo punto che Aidan incontra Laurel, giovane e prolifica autrice di romanzi sentimentali, che pubblica sotto l’improbabile nome di Delilah Dee. Durante una trasmissione televisiva a cui partecipano entrambi, Aidan dichiara apertamente il suo disprezzo per il genere “rosa” e Laurel lo sfida allora a confezionarne uno. Dunque il “sig. Premio Pulitzer” si cimenta nel genere ma si rende conto ben presto che riesce a scrivere solo dopo qualche fortuito incontro proprio con Laurel e inizia a imporre alla ragazza la sua presenza. Laurel in un primo momento mal tollera questa invasione della privacy, finchè non sviluppa lei stessa una sorta di dipendenza …

Giudizio

“E’ solo una storia d’amore” affronta il tema attualissimo di cosa vada considerata Letteratura e cosa non debba rientrare in questa categoria e lo fa con notevole umorismo, dialoghi brillanti, riflessioni intelligenti e un’eccellente costruzione dei protagonisti principali. Per la prima volta, inoltre, la Premoli si serve di un espediente che le consente di indagare anche il punto di vista maschile: la storia viene raccontata in prima persona dai due protagonisti, a capitoli alterni, cosa che vivacizza ulteriormente il racconto. La sola pecca che ho trovato riguarda due personaggi secondari: l’agente, Norman, e la sorella di Aidan, Alex, nutrono evidentemente dei sentimenti l’uno per l’altra ma il romanzo si chiude senza che questa relazione trovi alcuno sbocco. Può però trattarsi di una scelta specifica da parte dell’autrice: già in passato i personaggi secondari di un romanzo sono poi diventati i principali di quello successivo … mi auguro avvenga anche questa volta. Favola attualissima e piacevolissima.

premoli

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Lascia un commento