recensioni

Marzia Elisabetta Polacco “Delitto nel campo di girasoli”

MARZIA ELISABETTA POLACCO

Marzia Elisabetta Polacco è nata a Bari nel 1970.
Nella vita ha avuto la fortuna di poter coltivare entrambe le sue grandi passioni: la danza, da un lato, e la letteratura, dall’altro. Per quanto riguarda il balletto, si è diplomata alla John Cranko Schule di Stoccarda ed oggi insegna danza classica e contemporanea ad Orvieto, dove vive insieme al marito ed ai loro quattro gatti. Sul fronte letteratura, si è laureata in Lingue e Letterature straniere alla Sapienza di Roma, ha collaborato ad un progetto di ricerca sul sonetto nella letteratura slovena presso l’Università di Ljubljana, ha tenuto alcuni corsi su incarico dell’Università di Dubai e, ad oggi, ha pubblicato due romanzi.
Il suo primo libro è uscito nel 2016: “Lei era il nome”, un romanzo di formazione. Il secondo invece, “Delitto nel campo di girasoli” è, evidentemente, un giallo, pubblicato nel 2018 e vincitore del concorso “ilmioesordio”

DELITTO NEL CAMPO DI GIRASOLI

A Borghereto, sonnolento paesino umbro, da tre anni vive la famiglia Prasad. Karim, di origine indiana ma nato e cresciuto in Italia, è un uomo bello ed affascinante, lavora alla Fao e fa il pendolare con la Capitale. Mirella Vergari è una bella donna che tende però a trascurarsi in parte per indole ed in parte per il continuo barcamenarsi fra i doveri di moglie e madre ed il suo lavoro di vicecommissario presso la locale stazione di polizia. Leyla è la figlia più grande, ha dodici anni ed è una ragazzina socievole ma che tende a trovarsi meglio con gli adulti piuttosto che con i coetanei soprattutto a causa delle sue singolari passioni, i gialli e l’avventura. Asha è una bimbetta dolce e paffuta che ancora frequenta la scuola materna e Romeo, il così detto “incidente di percorso”, mangia ancora omogeneizzati.
Alla fine di un lungo anno scolastico, Leyla non vede l’ora di godersi le vacanze in sella alla sua inseparabile Miss Marple, scorrazzando nelle campagne vicino casa. Ed è proprio nel corso di una di queste escursioni che la ragazzina scopre il cadavere di una coetanea, Beatrice Marra.
Il caso viene affidato a Mirella che, insieme ai suoi collaboratori, si mette immediatamente al lavoro.
Proprio nei giorni immediatamente successivi al delitto, a causa di un malore improvviso, la nonna materna non può occuparsi di Leyla come da accordi, così Mirella è costretta a portarsi la figlia più grande in commissariato. La ragazzina è elettrizzata e, sebbene la madre faccia il possibile per tenerla lontana dalle indagini, la piccola in realtà non solo riesce regolarmente ad intrufolarsi nei sopralluoghi e negli interrogatori ma addirittura finisce con il dare un contributo importante.
Il caso è piuttosto ostico, ci sono diverse piste da seguire, ma alla fine Mirella e Leyla arriveranno alla verità sollevando quel velo di finta tranquillità e sicurezza che tutti hanno sempre creduto proteggesse la provincia dalle brutture del mondo moderno.

GIUDIZIO

Il romanzo della Polacco è un giallo di impostazione classica in cui però la voce narrante principale è una bambina di dodici anni. Questo non fa certo del libro un testo da ragazzini, anzi le motivazioni ed i modi del delitto sono decisamente inquietanti. Tuttavia l’espediente narrativo usato dall’autrice, unitamente allo stile fortemente ironico, conferiscono al testo una vivacità ed una freschezza insolite per il genere e davvero godibilissime. Leyla è una ragazzina che, nonostante la presunzione tipica dell’età (ho una figlia poco più grande: so di cosa parlo quando mi riferisco alla presunzione!), non può non piacere ed anche la figura di Mirella, così credibile nella sua imperfezione, conquista. Il resto della famiglia Prasad e gli altri poliziotti coinvolti sono anch’essi ben tratteggiati. Il solo neo, a mio parere, sono i capitoli incentrati sui commenti dei vecchietti del paese che non aggiungono nulla alla storia ed, anzi, ne rallentano il ritmo. E’ auspicabile che questo sia solo il primo romanzo di una nuova serie.

Delitto nel campo di girasoli

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Lascia un commento