recensioni

Alex Marwood “Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada”

ALEX MARWOOD

Alex Marwood è lo pseudonimo usato da una giornalista inglese di mezza età per pubblicare i suoi thriller: “The wicked girls” del 2012, “Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada”del 2013 ed “Oscuri segreti di famiglia” del 2016. Tutti e tre i romanzi hanno ricevuto critiche positive ed un buon riscontro fra i lettori. In particolare i primi due sono stati candidati a numerosi premi e ne hanno vinto uno ciascuno. James Franco ha anche acquistato i diritti del secondo per realizzare una trasposizione cinematografica. Sul terzo romanzo sia Angela Marsons che Stephen King hanno rilasciato commenti entusiastici.

GLI INSOSPETTABILI DELITTI DELLA CASA IN FONDO ALLA STRADA

Il 23 di Beulah Grove, a Londra, è un palazzo d’epoca di proprietà di Roy Preece. Preece è un voyeur di mezza età, obeso ed indolente. Ha suddiviso l’immobile in piccoli appartamenti squallidi e trascurati che dà in affitto a basso costo e senza verificare documenti e credenziali.
Nel seminterrato abita Vesta, che ha ereditato il canone agevolato dai genitori ed ha trascorso in Beulah Grove l’intera vita. Al piano terra ci sono Gerard, insegnante di musica divorziato e asociale, e Colette, cha da tre anni vive in fuga dopo aver visto il suo capo commettere un omicidio. Al primo piano, in uno degli appartamenti vive Hossein, un iracheno dissidente che ha chiesto asilo politico, l’altro è occupato da Cher, 15 anni, in fuga dai servizi sociali, che si mantiene rubacchiando in giro. In mansarda c’è Thomas, impiegato nella pubblica amministrazione, logorroico ma tutto sommato piacevole.
Fra queste sei persone si nasconde un serial killer, detto l’Amante, che uccide giovani donne e poi le mummifica seguendo le tradizioni dell’antico Egitto.
Gli abitanti di Beulah Grove sono una sorta di famiglia allargata e una serie di circostanze alla fine porterà ciascuno di loro a scoprire le proprie carte e a svelare i propri segreti fino a quanto anche l’identità dell’Amante sarà svelata.

GIUDIZIO

La Marwood anche questa volta, come già nei due romanzi precedenti, inizia il libro in maniera piuttosto insolita, con un interrogatorio di polizia successivo alla morte dell’Amante. Poi torna indietro nel tempo e dà il via al racconto vero e proprio. La partenza è un poco lenta ma ben presto il lettore rimane affascinato dagli abitanti di Beulah Grove e si appassiona alle vicende di ciascuno, al come ed al perché sono arrivati lì, a cosa si aspettano e sperano per il futuro. In questo thriller la suspense c’è ma in qualche modo è secondaria rispetto a tematiche quali la disillusione e la speranza, la fuga e la ricerca di stabilità, l’isolamento ed il desiderio di integrazione. Un romanzo davvero molto particolare ed originalissimo, costruito con maestria sia a livello di intreccio che di personaggi. In una parola: splendido.

Gli insospettabili delitti della casa in fondo alla strada

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Lascia un commento