recensioni

Gilbert Keith Chesterton “Il candore di Padre Brown”

GILBERT KEITH CHESTERTON

Gilbert Keith Chesterton nacque a Londra nel 1874 da una famiglia di estrazione borghese e di fede anglicana. Chesterton imparò tardi a leggere e, proprio per questo, durante l’infanzia, venne considerato e trattato come un ritardato. In realtà si diplomò, frequentò l’accademia d’arte ed anche il college. Tuttavia non riuscì a conseguire la laurea e questo insuccesso lo fece cadere in depressione. Fu solo verso la fine del 1800 che si riprese ed iniziò la sua produzione letteraria per gli editori Redway ed Unwin. Una volta accantonati i demoni della giovinezza, Chesterton fu uno scrittore incredibilmente prolifico (terminò un centinaio di libri, compose poesie, drammi, romanzi e racconti) nonché un filosofo. Negli anni ’30 ricevette ben due lauree honoris causa, il titolo di cavaliere dell’Ordine di San Gregorio Magno e, nel 1934, venne anche candidato al Nobel per la Letteratura (ma poi gli venne preferito Luigi Pirandello). Morì due anni dopo, nel 1936, per insufficienza cardiaca.

PADRE BROWNE

Padre Brown è il personaggio grazie al quale Chesterton è diventato noto al grande pubblico.

Nel 1903 lo scrittore conobbe padre John O’Connor, un prete cattolico di origine irlandese che praticava nello Yorkshire. Chesterton rimase profondamente colpito da quest’uomo, la cui frequentazione lo portò alla conversione e che egli usò come modello per la creazione del personaggio di Padre Brown (sebbene le differenze fra il personaggio fittizio e quello storico siano comunque molte).

I racconti del prete investigatore sono numerosissimi e raccolti in diversi volumi. Il primo è “L’ innocenza di padre Brown”.

L’INNOCENZA DI PADRE BROWN

In questo volume sono presenti tredici racconti.

Padre Brown è un ometto dall’aspetto modesto, quasi insignificante, un viso dolce ma, a tratti, anche malizioso. Le apparenze però, si sa, ingannano, infatti il piccolo prete può contare su un notevole spirito d’osservazione, un’intelligenza assai vivace, una notevole conoscenza dell’animo umano ed una buona dose di logica (che però non arriva certo ai livelli del ragionamento induttivo, per esempio, di Holmes … del resto stiamo pur sempre parlando di un cattolico). Ed è proprio attraverso queste sue doti che riesce a risalire, di volta in volta, al colpevole di furti, omicidi e quant’altro.

GIUDIZIO

Di Padre Brown, nel corso degli anni, sono state realizzate moltissime trasposizioni, sia cinematografiche che televisive. La più recente è quella della BBC interpretata da un bravissimo Mark Williams, il sig. Weasley dei film di Harry Potter. Ho visto la serie e mi è molto piaciuta, così ho deciso di acquistare il primo volume dei racconti. E sono rimasta terribilmente delusa. Lo stile è datato e appesantisce la lettura. Gli intrecci sono piuttosto banali ma infarciti di riflessioni filosofico-religiose decisamente noiose. I personaggi di contorno sono totalmente privi di spessore. Ho fatto veramente fatica ad arrivare alla fine del volume.

linnocenza-di-padre-brown

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Lascia un commento