recensioni

Olivia Goldsmith “Il club delle ex mogli”

OLIVIA GOLDSMITH

Olivia Goldsmith è il nome d’arte di Randy Goldfield, nata a Dumont, in New Jersey (USA), nel 1949.
Dopo un divorzio economicamente svantaggioso, la Goldsmith ha tentato la strada della narrativa ed, in effetti, già con il suo primo libro, “Il club delle ex mogli” del 1992, ha riscosso un notevole successo, anche se parte della fama questo romanzo lo deve all’adattamento cinematografico del 1996, “Il club delle prime mogli” (con Bette Midler, Goldie Hawn, Diane Keaton, Maggie Smith e Sarha Jessica Parker), che si discosta non poco dall’intreccio originale.
In seguito la Goldsmith ha continuato a pubblicare fino a quando è morta, nel 2004, a causa di gravi complicazioni conseguenti ad un intervento di chirurgia estetica.

IL CLUB DELLE EX MOGLI

Cinzia, Annie, Brenda ed Elise al college sono state amiche inseparabili ma negli anni si sono perse di vista.
Diversi anni dopo Cinzia muore suicida dopo aver inviato alle vecchie amiche una lettera commovente in cui descrive il suo matrimonio come profondamente infelice e la sua vita come qualcosa di inutile e senza scopo.
Annie, Brenda ed Elise rimangono profondamente turbate dalla missiva, tanto più che anche la loro situazione personale non è esattamente idilliaca: Annie e Brenda sono già divorziate ed Elise è in rotta con il marito.
Deluse da loro stesse, per aver consentito ai mariti di usarle e poi di scaricarle a favore di donne più giovani, decidono di vendicarsi ed imbastiscono un piano per colpire gli ex coniugi dal punto di vista economico.
Mano a mano che il progetto prende forma e si concretizza, le tre amiche riscoprono il piacere della vita, del successo personale e, soprattutto, il valore dell’amicizia femminile.

GIUDIZIO

Il romanzo della Goldsmith, pur toccando tematiche scottanti (quali la violenza domestica, la situazione delle famiglie con figli portatori di handicap, le relazioni omosessuali, interraziali e con grandi disparità d’età), non ha alcuna pretesa introspettiva, è semplicemente un romanzo d’evasione. I personaggi non hanno neppure un loro spessore, sono solo strumentali al racconto ed alle diverse situazioni. Anche lo stile non è certo impeccabile, troppo prolisso in alcuni punti e con alcune incertezze nella gestione della time line. Detto questo il libro è davvero molto divertente e appassiona fin dalle prime pagine.

il club delle ex mogli

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Lascia un commento