recensioni

Glenn Cooper “Il sigillo del cielo (Le avventure di Cal Donovan IV)”

GLENN COOPER

Glenn Cooper è nato nel 1953 a White Plains, cittadina dello stato di New York. Nel 1974 si è laureato in archeologia ad Harvard e, quattro anni dopo, anche in medicina alla Tufts University. Dal ’78 all’85 ha esercitato come medico per diverse associazioni dedite agli aiuti internazionali. Dopo di che si è dedicato alle biotecnologie, ottenendo assai in fretta il ruolo di CEO per diverse aziende impegnate nel settore. Ha iniziato a scrivere negli anni ’90, soprattutto sceneggiature (che però non hanno avuto alcun seguito), ed ha pubblicato il suo primo libro nel 2009 diventando un autore di fama mondiale.

LA PRODUZIONE

Da quando si è dedicato ai romanzi Cooper è stato assai prolifico. Ha raggiunto il successo con la tetralogia della Biblioteca dei morti, costituita da “La biblioteca dei morti”, “Il libro delle anime”, “Il tempo della verità” ed “I custodi della biblioteca”, una serie veramente originale che ho divorato. Mi sono piaciuti anche tutti i suoi romanzi singoli: “La mappa del destino”, “Il marchio del diavolo”, “L’ultimo giorno” e “Il calice della vita”. Al contrario mi ha molto delusa “Dannati”, al punto che non ho letto gli altri due romanzi della trilogia, “La porta delle tenebre” e “L’invasione delle tenebre”. Nel 2016 ha dato il via ad una nuova serie con protagonista Cal Donovan che, a tutto il 2019, è costituita da quattro titoli: “Il segno della croce” del 2016, “Il debito” del 2017, “I figli di Dio” del 2018 ed “Il sigillo del cielo” dell’estate 2019.

IL SIGILLO DEL CIELO

Cal Donovan è un professore di teologia di Harvard. Ricco di famiglia, ama il lusso, le belle donne e gli alcolici. Professionalmente parlando però è irreprensibile ed un luminare nel suo campo, al punto che in diverse occasioni ha fornito valide consulenze al Vaticano (“Il segno della Croce”, “Il debito”, “I figli di Dio”), arrivando a conquistarsi addirittura l’amicizia di Papa Celestino VI, pontefice liberale e riformista.
A fine anno accademico, infatti, Donovan sta già pensando al prossimo viaggio a Roma durante le vacanze, quando riceve una telefonata dalla polizia di New York che gli comunica l’omicidio della madre. Si tratta chiaramente di una notizia sconvolgente tanto più che appare ben presto evidente che l’aggressione non sia stata casuale: l’assassino, nell’appartamento di Park Avenue, cercava qualcosa di molto preciso.
Donovan inizia dunque ad indagare e scopre che l’omicida è interessato ad un reperto scoperto dal padre archeologo durante il suo ultimo scavo una ventina d’anni prima. Nello specifico qualcuno sta dando la caccia ad una pietra divinatoria e ad una formula magica in grado di dare ad un mago enochiano una potenza senza precedenti. Il Professore si lancia dunque anche lui nella ricerca nella speranza di arrivare per primo ed impedire a chiunque abbia cattive intenzioni di metterle in pratica.

GIUDIZIO

Nel nuovo romanzo di Cooper, per la prima volta il prof. Donovan vive un’avventura che non ha nulla a che fare con il Vaticano. L’intenzione dell’autore era probabilmente quella di ampliare il raggio d’azione del suo protagonista, di aprirsi a tutta una nuova serie di opportunità. La scelta dell’autore è certamente comprensibile ed anche condivisibile ma a me il romanzo non è piaciuto. Trovo che la scelta della magia enochiana come tema principale sia stata azzardata. Infatti per illustrare nel miglior modo possibile questa disciplina poco nota e decisamente complessa, Cooper opta per una narrazione a piani temporali sfalsati che rallentano notevolmente il ritmo della narrazione e spesso si rifanno a personaggi e a storie decisamene noiose. Il tentativo di compensare i lenti flash back con molta azione da parte del protagonista principale finisce poi con lo sminuire il ruolo di Donovan come brillante studioso-ricercatore, togliendoli quel fascino alla Dan Brown che ne aveva fin qui determinato il successo.
Cooper non è nuovo alle cadute di stile: mi auguro che anche stavolta riesca a risollevarsi.

 

Il sigillo del cielo

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Lascia un commento