recensioni

Polly Williams “Le brave ragazze combinano guai”

POLLY WILLIAMS

E’ nata (1971), cresciuta ed ancora residente ad Oxford. Ha studiato letteratura inglese ed ha lavorato come giornalista. Dopo il matrimonio e la nascita del primo figlio (oggi ne ha tre) si è cimentata con il suo primo romanzo “Vita bassa e tacchi a spillo” del 2006 che è rimasto a lungo nella classifica dei bestseller. Nel 2008 è uscito “Baby o non baby?” e, l’anno successivo, “Le brave ragazze combinano guai”. “La moglie peggiore del mondo” è del 2012. Il suo ultimo libro è “Quanto mi ami da uno a dieci?” del 2013. Si tratta sempre di storie chick lit, ovvero di romanzi rosa particolarmente ironici e piuttosto espliciti in ambito sessuale, che hanno per protagoniste donne forti ed in carriera.

LE BRAVE RAGAZZE COMBINANO GUAI

Annie ha appena ottenuto il posto di vice direttore della rivista di moda presso cui è impiegata. Ha lavorato sodo per scalare la gerarchia interna anche perché i vestiti in realtà non le interessano poi così tanto e il suo non è certo l’aspetto tipico delle donne del settore. Il suo fidanzato, Nick, è un bell’uomo e fa il PR per un grande albergo. Fra loro ancora non si parla apertamente di matrimonio ma è chiaro a tutti che ben presto verrà comunque fissata una data, tanto più che insieme si sono appena accollati un enorme mutuo per una casa nuova. La sorella di Annie, Georgia, dall’aspetto spettacolare e da sempre baciata dalla fortuna tipica dei belli, sta per sposarsi con un uomo ricchissimo. Mamma e papà vivono nel cottage di famiglia nei Cotswolds e si aspettano una pensione serena ed appagante dopo aver lavorato tutta la vita per tirare su le due figlie.

Questa situazione praticamente idilliaca si sgretola però alla velocità della luce: Nick si licenzia per tentare la strada del dj, lasciando sulle spalle di Annie tutte le spese, Georgia viene lasciata a pochissimo dalle nozze, i genitori si ritrovano in difficoltà economiche e devono vendere la casa.

Ed Annie? Lei resta quella forte, con le spalle larghe, quella a cui tutti si appoggiano. Fino a quando a lavoro non conosce Don, suo nuovo capo, meno bello di Nick, ma sicuro di sé ed intrigante, che la destabilizza completamente. Nel totale caos che ormai è diventata la sua vita, Annie sarà costretta a cambiare, a rivedere le sue priorità, alla ricerca di una stabilità tutta nuova ed assolutamente inimmaginabile.

GIUDIZIO

Il romanzo è troppo corposo rispetto ai colpi di scena. Lo stile risente di numerose ripetizioni espressive. L’intreccio è valido ma certo non originale. I personaggi sono ben costruiti ma non riescono a conquistare completamente. In sostanza “Le brave ragazze combinano guai” è un libro piacevole ma non mi ha convinta fino in fondo.

le brave ragazze combinano guai

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Lascia un commento