recensioni

Samantha Young “Sei bellissima stasera”

SAMANTHA YOUNG

Samantha Young è nata in Scozia nel 1986. Nel 2009 si è laureata in storia antica e medioevale all’Università di Edimburgo ma non ha mai cercato lavoro nel suo ambito di studi, preferendo dedicarsi alla scrittura. Nel 2011 ha iniziato ad auto pubblicare i suoi libri su Amazon, facendosi notare dal colosso Penguin che l’ha poi messa sotto contratto. I romanzi che l’hanno lanciata sono dei young fantasy inediti in Italia. Qui da noi è conosciuta per i romance della serie “On Dublin Street”, una decina di titoli fra romanzi e racconti. “Sei bellissima stasera” è il primo della serie.

SEI BELLISSIMA STASERA

Jocelyn Butler, detta Joss, proviene da una famiglia ricca ma ha perduto i genitori e la sorella minore in un incidente d’auto quando aveva 14 anni. In seguito ha vissuto presso diverse famiglie affidatarie. Ha avuto un’adolescenza assai turbolenta e sessualmente disinibita ed ha coinvolto nel suo stile di vita sregolato anche la sua migliore amica, morta poi in circostanze tragiche.
Raggiunta la maggiore età ed entrata in possesso del patrimonio dei genitori, Joss ha traslocato in Scozia, patria d’origine della madre. Ha imparato ad essere autonoma ed emotivamente distaccata, tanto che nel periodo universitario ha legato solo con la coinquilina ed il suo ragazzo, senza per altro rivelare mai molto di se stessa neppure a loro.
Conseguita la laurea, Joss è costretta a cercare una nuova sistemazione mentre si appresta a scrivere il suo primo romanzo.
Si imbatte così in Ellie, una dottoranda bellissima e dolcissima con cui si trova immediatamente a suo agio. La convivenza con Ellie la porta a conoscere tutta la sua numerosa famiglia, in particolare il fratellastro Braden.
Frequentare i Carmichael cambia Joss, la porta ad aprirsi e ad esporsi. Ma la giovane donna sarà disposta ad accettare il rischio di soffrire di nuovo o preferirà fuggire?

GIUDIZIO

Ho trovato questo romanzo estremamente noioso. Non esiste un vero e proprio intreccio, gli accadimenti sono pochissimi. Tutta la storia è concentrata esclusivamente sul disagio e le paranoie di Joss. La narrazione in prima persona appiattisce ulteriormente il racconto e anche l’ambientazione ad Edimburgo si risolve solo in un lungo elenco di vie e location, senza che la città venga mai davvero descritta. Solo due, a mio parere, gli aspetti positivi: i dialoghi brillanti e la capacità dell’autrice di rendere splendidamente la tensione sessuale con scene erotiche di livello.

Sei bellissima stasera

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Lascia un commento