recensioni

Susan Elizabeth Phillips “Lady Cupido (Chicago Stars 6)”

SUSAN ELIZABETH PHILLIPS

Susan Elizabeth Phillips è nata a Cincinnati, in Ohio, nel 1948. Ha lavorato come insegnante di scuola media fino alla nascita del suo primo figlio. A quel punto ha scritto un romanzo a quattro mani con Claire Kiehl che ha pubblicato sotto lo pseudonimo di Justine Cole. Il libro è andato bene ma la Phillips e famiglia si sono dovuti trasferire dall’Ohio in New Jersey così lei ha deciso di provare a scrivere da sola usando il suo vero nome. Oggi è un’autrice da milioni di copie e viene tradotta praticamente in tutto il mondo. Vive con il marito e i due figli a Chicago.
La Phillips ha pubblicato diversi romanzi stand alone nonché la “Serie di Wynette Texas”, ma la collana che l’ha resa famosa a livello internazionale e che ha fatto di lei la regina del romance sportivo è quella così detta dei “Chicago Stars”.
Si tratta di otto libri, tutti autoconclusivi, ma che hanno come filo conduttore l’immaginaria squadra di football dei Chicago Stars appunto. “Lady Cupido” è il sesto romanzo della serie.

LADY CUPIDO (Chicago Stars 6)

Annabelle Granger è una rossa naturale di bell’aspetto ma piuttosto trasandata. Proviene da una famiglia storica di St Louis ed è sempre stata circondata da persone professionalmente realizzate mentre lei ha collezionato un fallimento dopo l’altro. Anche sul piano sentimentale è stata non poco sfortunata: la sua grande storia d’amore si è conclusa da due anni perché il fidanzato ha deciso di cambiare sesso. Ormai trentenne, ha ereditato dalla nonna materna casa ed attività: una villetta vecchio stile ed un’agenzia di incontri a Chicago. Intenzionata a far funzionare almeno quest’ultimo progetto chiede alla vecchia amica di scuola Molly Somerville Tucker (sorella della proprietaria dei Chicago Stars e moglie del loro quarterback) di farle ottenere un appuntamento con Heat Champion, potente agente sportivo alla ricerca di una moglie.
Heat Champion è un uomo di successo e si è fatto da solo, combattendo con le unghie e con i denti fino a guadagnarsi il soprannome di “Pitone”, ad indicare le subdole arti necessarie per ottenere sempre il meglio per i suoi clienti. Sensibile al problema dell’abbandono a causa di una storia personale pesante, sula soglia dei trentacinque anni è pronto a sposarsi. Desidera una donna bella, intelligente, dal solido background ma anche intenzionata a dedicarsi esclusivamente al benessere ed alla carriera del marito.
Heat ha già ingaggiato la miglior organizzatrice di incontri della città, Portia Powers, splendida donna e fantastica professionista, talmente ossessionata dal lavoro e dal successo da risultare priva di qualsiasi empatia. Tuttavia decide di dare un’opportunità anche ad Annabelle, se non altro nella speranza di ingraziarsi il potente clan Somerville.
Fra Annabelle e Portia inizia dunque una lotta contro il tempo, alla ricerca della donna descritta da Heat. Ma proprio questa insolita gara porterà i vari personaggi coinvolti, da Annabelle ad Heat, da Portia al braccio destro dell’agente, a scoprire aspetti sopiti del proprio modo di essere e le conseguenze sentimentali per tutti saranno molto diverse da quelle preventivate.

GIUDIZIO

Da uno spunto narrativo particolarmente originale, l’autrice costruisce una storia dolcissima, con personaggi ben strutturati ed adorabili, che interagiscono tra loro con dialoghi brillanti e battute sagaci. Certo il lettore sa fin dall’inizio come si concluderà la vicenda, nessuna suspense nei romance della Phillips, eppure una volta iniziato a leggere è davvero difficile chiudere il romanzo per fare qualsiasi altra cosa. Si sogna, si sorride e spesso si ride di gusto: un paio d’ore di pura evasione che consiglio a chiunque.

Lady Cupido

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Lascia un commento